pagina principale

Regina del Brasile

sito indipendente di traduttori volontari dedicato alle apparizioni mariane in Brasile

Fin dalla sua scoperta, avvenuta nel XVI secolo ad opera dei navigatori portoghesi, il Brasile è sempre stato un paese cristiano: chiamato nei primi tempi “Terra della Santa Croce”, oggi il suo principale simbolo è la gigantesca statua di Cristo Redentore che sovrasta la città di Rio de Janeiro. La sua patrona è Nostra Signora di Aparecida, una devozione nata a partire dal ritrovamento, il 12 ottobre 1717, di una statuina miracolosa nelle acque del fiume Paraíba.

Nel XX secolo sono state segnalate, in Brasile, decine di apparizioni mariane: per la maggior parte si tratta di manifestazioni concluse, solo poche sono ancora in corso. Alcuni casi hanno ricevuto l’autorizzazione al culto da parte del vescovo locale, altri hanno visto l’avvicendarsi di vescovi contrari e vescovi favorevoli: nessuna di esse, fino ad oggi, è stata ufficialmente riconosciuta da parte della Chiesa. Questo sito è nato nel 2009 per far conoscere in Italia i relativi messaggi (senza la pretesa di darne un quadro completo ed esaustivo).

Fino ad oggi ci siamo occupati principalmente di tre località:

Anguera (Pedro Régis)
accedi alla pagina dedicata
raccolte in word/pdf (1987-2015)

São José dos Pinhais (Eduardo Ferreira)
sito dedicato: rosamisticabrasile.net
ultimo messaggio: 13.10.2021

Piedade dos Gerais (Marilda Santana)
sito dedicato: brezzaleggera.net
ultimo messaggio 12.10.2021

altre apparizioni in Brasile: accedi alla sezione dedicata


Per approfondimenti sulle apparizioni mariane:
– contributo di Saverio Gaeta al XII Convegno degli Apostoli della Divina Misericordia (2018)
– i limiti dei veggenti (di René Laurentin)
norme per procedere nel discernimento di presunte apparizioni e rivelazioni, redatte nel 1978 dalla Congregazione per la Dottrina della Fede

Tutti i testi (traduzioni) presenti in questo sito costituiscono materiale originale, utilizzabile citando la fonte. Le immagini sono state prese dalla rete, da fonti ritenute “libere”: in caso contrario basta segnalarlo e verranno rimosse.

e-mail